Free cookie consent management tool by TermsFeed
for-freedom-consulting-logo-bianco
assolombarda-v

Recupero crediti

Velocizza i tempi e abbatti le spese per il recupero crediti

Quali sono le modalità per il recupero crediti?

Per quanto possa essere motivo di consolazione, devi sapere che non sei l’unico imprenditore o professionista che sta lottando con clienti che non pagano.

I ritardi nei pagamenti, e i pagamenti insoluti, pendono come una spada di Damocle sulla testa di almeno quattro aziende su dieci nei settori della produzione e della manifattura.

Si tratta, perlopiù, di quelle piccole imprese già tartassate dalle tasse e costrette, come se non bastasse, a fare a pugni coi bilanci a causa della mancanza di liquidità e dei soldi da recuperare.

In una situazione del genere, quello che si può fare è cercare di gestire il problema ricorrendo agli strumenti più opportuni, senza perdersi d’animo e senza, soprattutto, far passare troppo tempo.

Ecco perché diventa davvero vitale per la sopravvivenza dell’azienda capire quale procedura di riscossione del credito mettere in atto e, soprattutto, muoversi prima che diventi più complicato.

In questo caso, la grande differenza la fa il consulente a cui ti affidi, che dovrà consigliarti la migliore procedura per recupero crediti.

Contattaci per avere assistenza
Compila il form e sarai ricontattato nel minor tempo possibile

Quali sono le tecniche per il recupero crediti?

Come saprai, esistono diversi tipi di crediti (settore aziendale, professionale, bancario, utilities, telecomunicazioni) e altrettante diverse procedure per il recupero del credito.

Questa procedure, che rientrano nella sfera del “credit management”, ossia nella gestione, amministrazione e controllo del credito, devono essere valutate a priori e con molta attenzione alla luce di questi elementi:

  • la documentazione che attesti l’esistenza del credito (per esempio un contratto, una fattura, un documento di consegna della merce)
  • la cifra dovuta
  • lo stato del credito
  • la condizione patrimoniale del debitore
  • l’esame del rapporto contrattuale da cui nasce l’obbligazione.

Valutati questi aspetti, tra gli altri, per recuperare il credito si può agire dapprima in via amichevole, con solleciti fatti dal creditore stesso, poi, qualora questa via non desse risultati, seguendo le due strade maestre:

  • la via stragiudiziale
  • e, in seconda battuta, quella giudiziale, ossia il ricorso all’Autorità Giudiziaria attraverso un decreto ingiuntivo che dispone l’eventuale pignoramento dei beni del debitore.

Il nostro modus operandi in ambito di assistenza legale, prevede sempre in prima battuta la procedura di recupero crediti in via stragiudiziale.

Si preferisce questa strada per diverse valide ragioni: per evitare i contenziosi giudiziari, per velocizzare i tempi e per abbattere le spese recupero crediti.

Sappi però che la procedura stragiudiziale, proprio in virtù della sua modalità “bonaria”, richiede una preventiva analisi del caso e una elevata capacità di intermediazione. Altrimenti, è alto il rischio di fare un bel buco nell’acqua.

Procedura legale stragiudiziale e giudiziale

La procedura stragiudiziale per il recupero crediti prevede azioni volte alla riscossione del credito. Queste azioni sono diffide, solleciti bonari di pagamento, tentativi di conciliazione, lettere di recupero crediti, messa in mora della controparte, trattative e ulteriori azioni legali.

Si ricorre a questa modalità quando il debitore versi in una condizione critica transitoria (sofferenza provvisoria). Ci sono, invece, casi in cui il credito sia da considerare come “credito deteriorato”, perché ancora insoluto dopo il tempo prestabilito per la sua estinzione.

Ecco perché è molto importante valutare bene lo stato del credito, prima di prendere una decisione su come procedere.

Tornando alla stragiudiziale, in questa prima fase è molto importante curare la comunicazione scritta con la controparte, in quanto ci si gioca la possibilità di chiudere la vicenda quanto prima, evitando la via giudiziale.

Per quanto riguarda quest’ultima, se i tentativi precedenti non danno esito positivo, la questione può finire nelle mani del Giudice. Il ricorso al Giudice può avvenire per ingiunzione o per rito ordinario (processo civile).

Il ricorso per ingiunzione significa che il creditore dovrà fornire tutti gli elementi a conferma del credito insoluto, per far sì che il Giudice possa emettere un decreto ingiuntivo volto al recupero forzoso del credito.

Tuttavia, prima di inoltrarti per la via giudiziale è il caso di valutare bene il patrimonio del debitore, che potrebbe non essere tale da coprire l’ammontare del credito.

Quando intervenire con azioni legali per recupero crediti?

È consigliabile agire il prima possibile, se si vuole recuperare il credito senza entrare nel lungo tunnel delle vie giudiziarie. Senza dimenticare, poi, che più passa il tempo e più diventa difficile riscuotere un credito, se non hai un’assistenza legale talmente forte da riuscire a recuperare i crediti più vecchi e critici.

Se ne hai sentito parlare, ma non sai bene cosa significa, il mancato pagamento del debito entro il tempo stabilito per la chiusura della transazione, pari a 90 giorni, viene definito “credito deteriorato”. Anche definito “NPL” = Non Performing Loan – prestito non performante.

I crediti deteriorati vengono definiti anche come Non Performing Exposure – esposizione non performante, in seguito alla ridefinizione delle esposizioni debitorie da parte dell’Autorità Bancaria Europea.

Consulenza legale per riscossione crediti

Spesso diventa difficile riscuotere un credito, non solo a causa del tempo che passa senza intraprendere un’azione incisiva, ma anche per la mancanza di focus sui passi da fare.

Magari perché sei seguito da un consulente poco presente, poco informato o poco attivo… Può succedere che un professionista ricopra un ruolo che non sia il suo, o che non abbia l’esperienza per gestire le intricate pratiche di riscossione del credito.

marta-stand

Come può aiutarti For Freedom

La consulenza ha l’obiettivo di fare un quadro chiaro e puntuale della situazione per capire come muoverci per recuperare i tuoi soldi.

Per valutare il tuo caso con la massima attenzione, i consulenti di For Freedom riservano una consulenza legale gratuita, mirata al recupero crediti per imprenditori e professionisti.

Per consigliarti la procedura migliore, ci occupiamo di tutta una serie di operazioni che partono da una valutazione del credito in essere e proseguono con l’analisi patrimoniale del debitore (sempre conforme alla normativa in materia di protezione dei dati personali).

Oltre alla classica assistenza, con noi puoi anche beneficiare di una formula di finanziamento del contenzioso (third litigation funding), e recuperare i tuoi crediti senza anticipare alcun costo.

Richiedi la tua consulenza legale gratuita per il recupero del credito.