Free cookie consent management tool by TermsFeed
for-freedom-consulting-logo-bianco
assolombarda-v

Controllo di gestione PMI: cos’è e a cosa serve

Sai qual è l’incidenza dei costi indiretti sul prodotto o servizio che la tua azienda offre?
controllo-di-gestione-pmi
Contenuti

Scopri quali sono i vantaggi del Controllo di Gestione per l’azienda

Se sei un imprenditore dovresti rispondere ad occhi chiusi a questa domanda o ad altre come questa… e se non riesci a farlo potresti avere un serio problema.

Ad esempio, se ti chiedessimo queste informazioni:

  • Quali sono i costi reali del tuo servizio o prodotto?
  • Quanto ci stai realmente guadagnando, vendendolo?
  • Quanto utile hai maturato ad oggi?
  • Conosci la redditività reale per singolo prodotto? E per singolo cliente?
  • Valuti i collaboratori in modo preciso e li incentivi equamente?
  • La tua azienda può permettersi investimenti per migliorare la capacità produttiva?

… In quanto tempo riusciresti ad avere questi dati?

Se hai risposto “Subito!”, ti facciamo i complimenti: nella maggior parte dei casi, gli imprenditori italiani che gestiscono una PMI non li conoscono.

In realtà abbiamo collaborato spesso con imprenditori – magari nati come ottimi artigiani o tecnici nel proprio campo che poi hanno aperto l’azienda – che hanno provato a farsi queste domande… ma poi si sono arresi perché da soli non riuscivano ad avere le risposte.

Hanno gettato la spugna e si sono dedicati ancora di più all’aspetto del loro lavoro che conoscono più da vicino: il lavoro pratico e manuale, tralasciando perciò la parte amministrativa ed economica.

Se invece non hai saputo rispondere, sappi che sono i parametri vitali della tua azienda e conoscerli significa poter mettere il TURBO al tuo fatturato nei momenti favorevoli…

…ed anche proteggerlo e subire perdite limitatissime durante una crisi economica.

La buona notizia è che se sei qui, a leggere queste righe per capirne di più, vuol dire che sei pronto a scoprire le risposte, a capire come affrontare ogni “tempesta” e ad agire di conseguenza.

Cos’è un imprenditore?

Se dovessimo descriverlo, diremmo che è la persona che dirige un’azienda e crea nuova ricchezza dai capitali investiti sotto forma di beni e servizi… non è vero?

Eppure, se dovessimo descriverlo solo così, faremmo un torto a tutti quegli imprenditori che sputano sangue gestendo la propria azienda.

Faremmo un torto a tutti quegli imprenditori che generano fatturati anche importanti ma che, per un motivo o per un altro, si ritrovano con i conti a fine trimestre che non tornano… e i profitti non ci sono. Infatti…

Il fatturato non è sufficiente per mostrare il grado di salute e benessere di un’azienda.

Anzi, a volte può addirittura ingannare. Un’azienda con un fatturato enorme può sembrare un’azienda stabile. Ma se, ad esempio, gli indicatori di performance più importanti di quell’azienda, i KPI, dimostrano che non sta realmente “guadagnando” allora rischia di essere solo un gigante con i piedi di argilla.

Queste aziende navigano a vista. Gli imprenditori percepiscono che c’è un problema ma non sanno dove concentrare la loro attenzione per “sistemare l’ingranaggio” che non lavora in armonia con gli altri.

Il risultato, spesso, è che l’imprenditore agisce d’istinto e finisce per tagliare qua e là i costi senza un reale criterio, nella speranza di mettere i conti in ordine… ma questo porta a risultati peggiori.

Come ti dicevamo, questo succede perché molte aziende non conoscono il costo effettivo dei propri prodotti, soprattutto le piccole imprese manifatturiere.

Ignorano il tempo impiegato dal personale durante tutto il ciclo produttivo o non hanno contezza dei costi di manutenzione delle macchine di produzione.

Ma allora cosa dovresti fare per essere più competitivo?

Ci sono due grandi aree d’intervento:

  • Migliorare i processi produttivi con lo scopo di ridurre i costi
  • Migliorare il controllo e la pianificazione dei costi.

Facile a dirsi, difficile a farsi, non è vero?

Già, ed il motivo è: perché mancano le risposte alle domande che ci siamo fatti all’inizio.

Ecco allora lo “strumento” che potrebbe correre in tuo aiuto.

Si tratta del servizio di Controllo di Gestione.

Lo scopo del Controllo di Gestione è quello di aiutare l’imprenditore a raggiungere e SUPERARE gli obiettivi aziendali, stabiliti e pianificati in base all’analisi fatta con i dati in mano.

L’imprenditore ha quindi il vantaggio di avere un feedback riguardo alle decisioni che intende prendere.

Ma andiamo con ordine…

Come funziona il Controllo di Gestione?

Il Controllo di Gestione raccoglie i dati dei vari settori produttivi e amministrativi, li analizza e li sottopone all’attenzione della Direzione o dell’Imprenditore, senza il rischio di trascurare numeri importanti e senza perdere tempo sulle informazioni di poca utilità.

Il Controllo di Gestione si divide in 3 macro fasi:

  1. Analisi e ottimizzazione delle risorse economiche aziendali. In questa fase si analizza l’azienda (e il bilancio dell’azienda) e si definiscono obiettivi misurabili e programmi concreti che dovranno essere implementati sia nel breve che nel lungo periodo. È in questa fase che vengono decisi di budget delle varie aree.
  2. Analisi degli scostamenti. Gli indicatori principali vengono controllati periodicamente per capire se si sta rispettando la previsione e – se necessario – si corregge il tiro.
  3. Analisi finale. Serve a capire se e come sono stati rispettati gli obiettivi e stabilire un piano più accurato per il futuro.

Naturalmente ognuna di queste fasi è accompagnata da un Reporting che fotografa lo stato dell’azienda in ogni determinato momento.

Quali sono gli ostacoli che impediscono a un imprenditore di sfruttare questo tipo di servizi?

In primo luogo vi è un falso mito, cioè il costo stesso del servizio. Perché lo definiamo un falso mito?

Perché alcuni servizi non possono essere semplicemente ridotti a “costo” ma sono dei veri e propri investimenti.

Ad esempio, un’azienda che considera la spesa in marketing come un costo vivo e non come un investimento che genera utili è un’azienda che ha difficoltà a competere nel mercato attuale, sempre più sfidante.

Il vero ostacolo all’implementazione del Servizio di Controllo di Gestione è solo il tempo necessario per attuare tutte le analisi e le procedure.

Dunque il nostro consiglio è quello di iniziare il prima possibile.

Ora potresti avere una domanda:

“Lo Stato mi ha già obbligato ad avere qualcuno che controlla i miei bilanci… perché dovrei pagare altri consulenti per fare la stessa cosa?”

In realtà non si tratta della stessa cosa.

Il D.Lgs. n. 14 del 12 gennaio 2019, anche chiamato Analisi del Bilancio, ti obbliga ad avere in azienda un “assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa” per rilevare tempestivamente una eventuale crisi di impresa o una perdita di continuità aziendale.

Il Servizio di Controllo di Gestione invece non è un obbligo di legge ma un dovere dell’imprenditore.

Se l’analisi di bilancio ha una cadenza annuale, col Controllo di Gestione i report vengono forniti in tempo reale in modo da poter prendere decisioni mirate e soprattutto veloci.

Nell’analisi di bilancio i dati sono precisi, con il Controllo di Gestione possiamo verificare il loro andamento in tempo reale.

Ma quindi, ricapitolando…

Quali sono i vantaggi del Controllo di Gestione per l’azienda?

I vantaggi del Controllo di Gestione sono sostanzialmente 3:

  1. Ottimizzazione delle risorse economiche aziendali.
    Dopo aver eseguito l’analisi di bilancio, si avrà una fotografia economica dell’azienda e quindi delle risorse disponibili per migliorare la redditività aziendale in ambito finanziario, gestionale, fiscale, produttivo e organizzativo.
  2. Visione globale dell’andamento dell’azienda. Una volta pianificati gli obiettivi e stabiliti i criteri di valutazione, potrai verificare l’andamento dell’azienda e pianificare obiettivi futuri… magari più ambiziosi.
  3. Visione globale dei vari settori aziendali. Avrai il controllo su tutto ciò che succede in azienda, compreso l’andamento dei vari reparti o settori aziendali fino alla singola unità produttiva. In possesso di tali informazioni, sarà più facile prendere decisioni idonee in tempo zero.
Per la tua azienda, attivare prima possibile il servizio di Controllo di Gestione significa avere un asso nella manica
Un alleato potente per trionfare sul mercato, anche quando il mercato è reso turbolento da una tempesta
Per la tua azienda, attivare prima possibile il servizio di Controllo di Gestione significa avere un asso nella manica
Un alleato potente per trionfare sul mercato, anche quando il mercato è reso turbolento da una tempesta