Free cookie consent management tool by TermsFeed
for-freedom-consulting-logo-bianco
assolombarda-v

Accertamenti fiscali per il Regime Forfettario: perché scattano e cosa viene controllato

Sono molti i vantaggi economici e burocratici, perciò i controlli sono sempre più precisi – anche grazie alla fatturazione elettronica
Accertamenti fiscali per il Regime Forfettario: perché scattano e cosa viene controllato
Contenuti

Se hai avviato un’attività in regime forfettario probabilmente ti ha allettato il risparmio che questa formula di partita IVA potrebbe darti, rispetto ad altre forme societarie, entro certi limiti.

Per tenere al minimo i costi della tenuta della tua contabilità, magari hai l’appoggio di un commercialista che ti segue solamente nel momento della dichiarazione dei redditi, ma durante il resto dell’anno lo senti raramente. Potrebbe averti consigliato proprio lui questa modalità.

Tra i benefici più invitanti del Regime Forfettario come non citare la contabilità semplificata, l’esenzione dall’IVA e dagli studi di settore, ma anche l’imposta sostitutiva ridotta al 15% o al  5%.

Tuttavia, se ti manca una vera consulenza fiscale e finanziaria per 11 mesi l’anno, e soprattutto se ti manca quando avvii l’attività, potresti trovarti tuo malgrado in qualche guaio a causa del fisco.

Cosa controlla l’Agenzia delle Entrate nelle attività che adottano il Regime Forfettario?

Prima di tutto sappi che anche a te che hai il regime forfettario si applicano le normali disposizioni inerenti le imposte sui redditi, IVA e IRAP. E si applicano ai fini:

  • dell’accertamento,
  • della riscossione,
  • dell’applicazione delle sanzioni,
  • del contenzioso.

Siccome il forfettario è un regime fiscale agevolato, i controlli che potresti ricevere vertono con grande probabilità sul rispetto dei requisiti necessari per accedere al forfettario.

Insomma, verrà verificato che:

  • tu sia una persona fisica con un fatturato annuale inferiore a 65.000 euro;
  • la tua residenza sia in Italia o almeno il 70% del tuo fatturato sia prodotto su suolo italiano;
  • che tu non abbia quote di partecipazione in società o altre associazioni e/o il controllo di S.r.l. nello stesso settore della tua Partita IVA.

Un altro pilastro del regime forfettario è la determinazione delle tue spese.

Mentre il regime ordinario impone l’indicazione dettagliata dei costi sostenuti durante l’anno, il forfettario stabilisce un valore predeterminato che deriva dal coefficiente di redditività applicato per il tuo Codice ATECO. Va da sé che un eventuale controllo delle autorità potrebbe riguardare anche la corretta applicazione di tale conteggio. Ma su questo “eventuale controllo” torneremo tra poco.

Prima vediamo alcuni esempi di percentuali di detrazioni dei costi in base alla tua categoria:

  • Sei un commerciante? La detrazione arriva al 60%.
  • Sei un libero professionista? La detrazione è fissa al 22% del tuo fatturato annuale.
  • Sei un artigiano? La detrazione arriva al 33%.

Agenzia delle Entrate: cosa fa scattare gli accertamenti sulle Partite IVA in Regime Forfettario?

Ci sono quattro motivi principali che fanno scattare accertamenti approfonditi.

Il primo livello di controllo è un semplice automatismo informatico, agevolato anche dall’introduzione della Fattura Elettronica: si confronta la tua Dichiarazione dei Redditi con la Certificazione Unica inviata dalle aziende con cui collabori, verso cui hai emesso fattura.

Perciò, se ad esempio dichiari di aver emesso fatture per €5.000 verso la Pistocchi & Figli SRL, ma questa dichiara di aver ricevuto fatture da te per €10.000 nella sua CU, l’incongruenza è evidente e potrebbe far scattare accertamenti approfonditi.

In secondo luogo, potresti ricevere un “Avviso di Accertamento” dell’Agenzia delle Entrate se presenti la Dichiarazione dei Redditi in ritardo. Magari prima ti mandano un sollecito, ma se tardi ancora diventi veramente sospetto agli occhi del Fisco e l’accertamento arriva di conseguenza.

Piuttosto che tardare troppo, meglio presentarla nei termini previsti pur con qualche errore, che per fortuna puoi correggere con integrazioni successive.

Il terzo motivo riguarda la totale mancata presentazione di Dichiarazione dei Redditi: questo farà scattare quasi al 100% un avviso di accertamento nel quale si chiede di prendere visione di tutte le fatture emesse durante l’anno in esame. Considera anche che potresti ricevere una sanzione per omissione di dichiarazione.

Infine, tieni presente che il Regime Forfettario è soggetto anche a controlli “a campione”. L’Agenzia delle Entrate sa bene che qualcuno potrebbe “fare il furbo” e tentare di ottenere i vantaggi che consente senza averne diritto, quindi anche senza campanelli di allarme effettua accertamenti qua e là.

Perciò, come tutti i contribuenti, potresti finire nei radar dell’Agenzia delle Entrate o delle autorità che si occupano di frode e altri illeciti semplicemente per pura sfortuna, soggetto ad un controllo casuale.

Infine, ti consigliamo di leggere il nostro articolo sulle 6 cose da sapere in caso di verifica fiscale.

Uscire dal Regime Forfettario in seguito all’accertamento

Sappi che, se l’accertamento dovesse trovare irregolarità gravi, potresti anche essere “espulso” dal Regime Forfettario.

Succede ad esempio se superi il limite di ricavi per rimanere nel regime o anche se non hai più una delle condizioni minime, come la residenza in Italia o il 70% del fatturato prodotto in Italia.

Il ritorno al regime ordinario avverrà dall’anno successivo a quello del “cartellino rosso”, anche perché i controlli possono avvenire qualche anno dopo il periodo di riferimento.

Hai un’attività e non sei certo che il tuo regime fiscale attuale sia quello giusto per il tuo sviluppo? Forse è il caso di abbandonare il fai-da-te e andare oltre la “telefonata ogni tre mesi” che fai al tuo commercialista… è ora di rivolgerti a consulenti esperti e preparati, come i tecnici di For Freedom Consulting.

Richiedi una consulenza gratuita
Ti aiuteremo a pianificare lo sviluppo della tua attività, anche dal punto di vista fiscale e finanziario, per aiutarti a pagare solo il minimo di tasse previsto dalla legge – e senza l’ansia che un controllo dell’Agenzia delle Entrate possa farti andare gambe all’aria
Richiedi una consulenza gratuita
Ti aiuteremo a pianificare lo sviluppo della tua attività, anche dal punto di vista fiscale e finanziario, per aiutarti a pagare solo il minimo di tasse previsto dalla legge – e senza l’ansia che un controllo dell’Agenzia delle Entrate possa farti andare gambe all’aria