Free cookie consent management tool by TermsFeed
for-freedom-consulting-logo-bianco
assolombarda-v

Manovra di Bilancio 2024: le novità spiegate alle Piccole Imprese Artigiane

L’ABC della Manovra di Bilancio 2024: gli effetti sulle PMI
Manovra di Bilancio 2024: le novità spiegate alle Piccole Imprese Artigiane
Contenuti

Parliamo di un argomento che tocca da vicino ogni PMI italiana: la nuova Manovra di Bilancio 2024 del Governo Italiano. 

La Manovra Economica 2024 è una sorta di “grande piano” che il Governo mette in atto per gestire le entrate e le uscite della nazione. Perciò include cambiamenti nelle tasse, incentivi per le imprese e nuove regole che possono influenzare il modo in cui gestisci la tua attività. 

Vediamo una panoramica degli aspetti più importanti e gli effetti sulla tua impresa, spiegando anche i concetti più complicati in maniera comprensibile. L’argomento è veramente tecnico perciò utilizzeremo terminologia terra-terra ed esempi “sulla carta” per facilitare la comprensione. Andremo quindi a semplificare al massimo i concetti, mentre ti suggeriamo di entrare in contatto con i nostri esperti se necessiti di una consulenza più approfondita sugli effetti della Manovra fiscale 2024 sulla tua impresa.

Per ogni artigiano e imprenditore di una piccola realtà produttiva, queste novità possono significare nuove opportunità, contributi per l’azienda, incentivi… ma anche nuovi obblighi. Dal modo in cui paghi le tasse alla possibilità di accedere a finanziamenti vantaggiosi, ogni aspetto ha il potenziale di impattare sulla tua realtà lavorativa. 

Cambiamenti Fiscali e Impatti sulle PMI

In questa prima sezione, ci immergiamo nei cambiamenti fiscali introdotti dalla Manovra di Bilancio 2024 e analizziamo come questi possono influenzare le piccole e medie imprese.

Riduzione delle Aliquote IRPEF

Una delle modifiche più significative riguarda le aliquote IRPEF. Dal 2024 infatti le aliquote Irpef saranno meno, da quattro a sole tre. I contribuenti pagano un’aliquota Irpef del 23% fino a 28.000 euro, dato che i primi due scaglioni di reddito sono ora accorpati.

Scaglioni di reddito e Nuove Aliquote Irpef 2024

  • Da 0 a 28.000 euro la nuova aliquota Irpef sarà 23%
  • Oltre 28.000 euro e fino a 50.000 euro la nuova aliquota Irpef sarà 35%
  • Oltre 50.000 euro la nuova aliquota Irpef sarà 43%

Per la fascia di reddito da 15.000 a 28.000 euro (ora accorpata a quella 0 – 15.000), l’aliquota Irpef nel 2021 era del 27%. Quindi, poiché dal 2024 la nuova aliquota è del 23%, abbiamo una riduzione di aliquota del 4%.

Vedi? La ristrutturazione delle aliquote IRPEF potrebbe significare una riduzione delle tasse per la tua impresa, vediamolo con un esempio immaginando un’impresa artigiana con alcuni dipendenti che fattura 250.000 euro l’anno.

Scenario Precedente alla Manovra di Bilancio 2024:

  • Facciamo l’ipotesi che l’utile imponibile dell’impresa, dopo aver detratto tutte le spese e i costi, per praticità di calcolo sia di 100.000 euro.
  • Prima della manovra 2024, questo reddito sarebbe stato tassato seguendo quattro scaglioni di reddito con aliquote crescenti. Ad esempio, una parte del reddito sarebbe stata tassata al 23%, una parte al 27%, e così via.

Scenario con la Nuova Manovra di Bilancio 2024:

  • Ora, con l’accorpamento degli scaglioni, l’intero reddito fino a 28.000 euro sarà tassato al 23%.
  • Questo significa che per i primi 28.000 euro di reddito imponibile, l’impresa pagherà 6.440 euro di tasse (23% di 28.000 euro).
  • Il reddito oltre i 28.000 euro sarà soggetto alle aliquote degli scaglioni successivi.

Qual è l’impatto pratico? Grazie all’accorpamento degli scaglioni, per una parte significativa del reddito dell’impresa l’aliquota fiscale è più bassa e più semplice da calcolare. Questo può portare a un risparmio fiscale, soprattutto se una parte sostanziosa del reddito imponibile rientra nel primo scaglione.

Il risparmio fiscale significa avere risorse da reinvestire nell’impresa, ad esempio nell’assunzione di nuovo personale, nell’acquisto di attrezzature più moderne o nella realizzazione di campagne di marketing per espandere l’attività.

Aggiornamenti sull’IVA e Accise su Specifici Prodotti e Servizi

L’aggiornamento delle aliquote IVA e delle accise tocca vari settori. 

Aggiornamenti sull’IVA e Accise su Specifici Prodotti e Servizi

  • Plastic Tax e Sugar Tax: La decorrenza della cosiddetta plastic tax e della sugar tax, istituite dalla legge di bilancio 2020, è stata posticipata al 1° luglio 2024.
  • IVA su Prodotti Assorbenti: L’aliquota IVA relativa a prodotti come assorbenti, tamponi, e coppette mestruali, nonché ad alcuni prodotti per la prima infanzia (latte e preparazioni alimentari per lattanti) e ai pannolini per bambini è stata riportata al 10%, dopo essere stata precedentemente ridotta al 5%.
  • IVA sui Seggiolini per Bambini: L’aliquota ordinaria per i seggiolini per bambini da installare negli autoveicoli è stata ripristinata, dopo essere stata anch’essa precedentemente fissata al 5%.
  • Pellet: La cessione dei pellet è stata assoggettata ad aliquota IVA ridotta al 10% anche per i mesi di gennaio e febbraio 2024.
  • Tabacco e Prodotti Affini: Sono stati innalzati alcuni valori per le accise, gli oneri fiscali e l’aliquota di un’imposta di consumo previsti per alcuni prodotti di tabacco e prodotti succedanei dei prodotti da fumo.

Queste modifiche potrebbero influenzare le strategie di prezzo e di approvvigionamento per molte PMI in settori rilevanti, dalla distribuzione al dettaglio al settore alimentare passando per quello dei beni di consumo.

Incentivi e Agevolazioni per le Imprese

Proseguiamo il nostro viaggio nella Manovra di Bilancio 2024, concentrandoci ora sugli incentivi e le agevolazioni pensate proprio per le imprese. In questa sezione, scopriremo come il Governo ha deciso di sostenere le attività come la tua attraverso contributi, bonus e fondi per aziende.

Ampliamento dei Crediti d’Imposta

Una delle notizie più interessanti è l’ampliamento dei crediti d’imposta, specialmente per gli investimenti nella Zona Economica Speciale (Zes) unica. 

Dal 1° gennaio 2024, la nuova Zona Economica Speciale per il Mezzogiorno – ZES unica, include i territori delle otto regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna.

Le ZES sono aree delimitate in cui le imprese possono beneficiare di condizioni vantaggiose, come sgravi fiscali e semplificazioni amministrative, al fine di promuovere lo sviluppo economico e attrarre investimenti.

Investire in una ZES unica significa che un’impresa può ottenere crediti d’imposta per spese relative a nuovi impianti, espansioni, modernizzazione di strutture esistenti, acquisto di nuove attrezzature o tecnologie. 

Immagina di avere un’officina metalmeccanica in una di queste aree: potresti beneficiare di significativi vantaggi fiscali sugli investimenti che fai per modernizzare il tuo laboratorio o acquistare nuove attrezzature (anche mediante leasing). Detto in parole povere, parte della spesa che affronti può essere “recuperata” attraverso una riduzione delle tasse che dovresti pagare.

Rifinanziamento della Legge Sabatini

La famosa e apprezzata Legge Sabatini, che promuove gli investimenti delle imprese in tecnologie innovative, rimane ed è perciò rifinanziata con 100 milioni di euro per il 2024. Se cercavi un modo per potenziare la tua competitività e produttività grazie a tecnologie avanzate, hai ancora la possibilità di accedere a nuovi finanziamenti agevolati.

Novità sul Lavoro e Assunzioni

Passiamo a un argomento cruciale per la crescita e il benessere della tua impresa: il lavoro e le agevolazioni per le assunzioni. Abbiamo già parlato di come attirare e trattenere i talenti nella tua azienda, ora vediamo cosa c’è di concreto nella manovra di bilancio 2024.

Misure di Sostegno all’Occupazione e Agevolazioni per Nuove Assunzioni

La nuova manovra rimodula le misure per stimolare l’occupazione, con impatto notevole per le piccole e medie imprese come la tua. Una di queste misure è l’agevolazione sui contributi per le nuove assunzioni. 

Nella manovra 2024 lo sgravio totale per i giovani e donne che c’era nel 2023 è scomparso. Invece, le risorse disponibili sono state messe sulle “categorie svantaggiate” come ad esempio:

  • donne con figli
  • vittime di violenza
  • percettori di sostegni al reddito (RDC).

Se decidi di assumere un nuovo dipendente, potresti beneficiare di riduzioni sui contributi che devi versare per lui nel caso in cui rientri nelle “categorie svantaggiate”. Questo alleggerisce il carico fiscale dell’assunzione, rendendola più gestibile e meno onerosa per il tuo bilancio.

Cambiamenti nei Contributi Previdenziali

Un’altra novità importante riguarda i contributi previdenziali. La manovra ha introdotto cambiamenti in questo ambito, volti a semplificare e, in alcuni casi, a ridurre il carico contributivo per le piccole imprese. 

  1. Esonero Contributi per i Tuoi Dipendenti: Fino al 31 dicembre 2024, i contributi previdenziali a carico dei tuoi dipendenti saranno ridotti del 6%, a patto che guadagnino meno di 2.692 euro al mese. Se guadagnano meno di 1.923 euro, lo sconto sale al 7%. Questo non cambia i calcoli per le loro pensioni o per la tredicesima.
  2. Vantaggi Fiscali sul Welfare Aziendale: Per il 2024, puoi offrire ai tuoi dipendenti fino a 1.000 euro in beni, servizi, o contributi per utenze e affitti/mutui della prima casa senza che questi vengano tassati come reddito. Se hanno figli, il limite sale a 2.000 euro.
  3. Detassazione dei Premi di Produttività: Quest’anno, i premi di produttività che dai ai tuoi dipendenti saranno tassati solo al 5%.

Queste misure possono aiutarti a gestire meglio i costi del personale e a fidelizzare i tuoi dipendenti, senza un grande impatto fiscale sulla tua impresa.

Valuta di assumere l’aiutante di cui sentivi il bisogno

Immagina di gestire una piccola carrozzeria. Finora, hai lavorato principalmente da solo o con i tuoi familiari, ma con l’aumento del lavoro, hai necessità di assumere un dipendente. Grazie alle nuove agevolazioni per le assunzioni, puoi ora considerare questa possibilità con maggiore serenità e inserire tutti questi parametri in un controllo di gestione efficace. 

I cambiamenti nei contributi previdenziali alleggeriscono il carico fiscale della tua attività, permettendoti magari di investire in attrezzature più moderne o in formazione per te e il tuo nuovo dipendente.

Nel prossimo paragrafo, esploreremo le novità relative a regolamenti e obblighi amministrativi, un altro aspetto fondamentale per la gestione della tua attività.

Regolamenti e Obblighi Amministrativi

Entriamo nel mondo della burocrazia e degli obblighi amministrativi, due aspetti che, lo sappiamo bene, possono avere un grande impatto sulla gestione quotidiana della tua impresa.

Aggiornamenti Burocratici e Adempimenti Fiscali

La nuova manovra introduce alcuni aggiornamenti significativi in termini di burocrazia e adempimenti fiscali.  

Senza entrare troppo nel dettaglio, si tratta di novità come:

  • proroga del regime di rivalutazione del costo fiscale delle partecipazioni non quotate e dei terreni;
  • le plusvalenze derivanti dalla cessione di immobili oggetto di interventi con superbonus rientrano nei redditi diversi;
  • l’aliquota della cedolare secca per le locazioni brevi è stata alzata al 26%;
  • ci sono nuove disposizioni per la regolarizzazione delle rimanenze di magazzino, adeguandole alla situazione di giacenze effettive;
  • obbligo di assicurazione per rischi catastrofali, per avere la copertura adeguata a proteggere i beni dell’azienda in caso di sisma, alluvioni, frane, inondazioni ed esondazioni.

Chi aiuta l’imprenditore ad adeguarsi alle novità

In questo articolo, abbiamo visto con una panoramica a volo d’uccello le novità della Manovra di Bilancio 2024, focalizzandoci su quegli aspetti che toccano da vicino la tua realtà di piccolo imprenditore artigiano. 

Dalle agevolazioni fiscali alle nuove normative sul lavoro, passando per le nuove aliquote IVA e le semplificazioni burocratiche, la manovra porta molte variazioni rispetto al 2023 che devi riuscire a sfruttare per aumentare la redditività della tua impresa.

 

Ti sembra tutto molto complicato? Per fortuna non devi fare tutto da solo, ma ricorda che non è il commercialista la persona che ti deve spiegare come avere il massimo beneficio (o i minori disturbi) da tutte queste novità…

Il commercialista ha già fin troppe incombenze e non è un “coach”, mentre un buon consulente d’impresa ti aiuterà ad attuare tutti gli “interventi correttivi” necessari a condurre l’azienda attraverso il “caos” dei cambiamenti portati ogni anno dalla Manovra di Bilancio.

Contatta For Freedom Consulting. Insieme, possiamo raggiungere il successo finanziario del tuo business, anno dopo anno. 

P.S.

Vatti a leggere il nostro Caso Studio sull’imprenditore finalmente libero dai fidi bancari.

Appendice: Risorse Utili

Per approfondire ulteriormente le informazioni sulla Manovra di Bilancio 2024 dai canali istituzionali, eccoti un paio di link utili:

CONSULENZA PRELIMINARE GRATUITA
Desideri trasformare la tua azienda e raggiungere una solidità finanziaria senza precedenti? Contattaci, insieme possiamo pianificare il successo finanziario del tuo business!
CONSULENZA PRELIMINARE GRATUITA
Desideri trasformare la tua azienda e raggiungere una solidità finanziaria senza precedenti? Contattaci, insieme possiamo pianificare il successo finanziario del tuo business!